Passa al contenuto principale
Gesuiti

VIII edizione (2021 – 2022)

Profilo delle borsiste e dei tutor

Giulia Anselmo

Dopo la laurea magistrale in Giurisprudenza conseguita presso l’Università L.U.M.S.A di Palermo, ha vissuto per circa due anni a Londra per frequentare un Master of Science in Art, Law and Business presso Christie’s. Rientrata a Palermo, è diventata coordinatrice dell’Associazione Beyond Lampedusa, sviluppando attività dedicate in particolar modo ai minori stranieri non accompagnati e ai minori che vivono in contesti di forte povertà educativa con una proposta di programmi artistici, laboratori sportivi e teatrali.

La ricerca selezionata dall’Istituto Arrupe intende capire se la street art può davvero giocare un ruolo agevolatore nei processi di rigenerazione urbana in una città come Palermo.

La tutor scientifica è Daniela Ciaffi, professoressa associata presso il Politecnico di Torino dove insegna Sociologia urbana al Politecnico di Torino. Svolge attività di ricerca sul tema della partecipazione degli abitanti alle trasformazioni della città e del territorio: è autrice di “Urbanistica partecipata” insieme ad Alfredo Mela (Carocci, 2011) e curatrice di “Community action and planning” insieme a Nick Gallent (Policy Press, 2014). È vice presidente di Labsus, il laboratorio per la Sussidiarietà che promuove in tutta Italia l’amministrazione condivisa dei beni comuni.

Il tutor pedagogico è Massimo Massaro. Laureato in Scienze politiche internazionali presso l’Università di Palermo si è poi specializzato in scienze diplomatiche presso la Società Internazionale per l’Organizzazione Internazionale (SIOI) di Roma e ha maturato un’esperienza professionale nel campo dell’editoria e della ricerca scientifica lavorando presso l’Istituto di studi giuridici sulla comunità internazionale del Consiglio Nazionale delle Ricerche di Roma. Dopo aver vinto, nel 1996, una borsa di studio Sylff, ha iniziato una collaborazione professionale con l’Istituto Arrupe dove svolge attualmente attività di coordinamento generale e di comunicazione istituzionale. Nel 2013 ha ideato il Programma di ricerca “Idea – Azione” di cui ne è il coordinatore.

Beatrice La Porta

È avvocato esperto in diritto agro-alimentare e partner di uno studio legale con sede a Piacenza e a Palermo; ha conseguito un dottorato di ricerca in sistemi agro-alimentari presso la Agri-system doctoral school dell’Università del Sacro Cuore sede di Piacenza. Sin dall’inizio del suo percorso professionale, ha operato nell’intersezione esistente  tra scienza e diritto e negli anni ha maturato importanti esperienze a livello nazionale ed europeo come consulente legale di soggetti pubblici e privati come l’European Food Safety Authority (EFSA). Attualmente è legal advisor di OPERA research center e docente a contratto di Food Trade and Safety Legislation presso l’Università di Palermo.

Nell’ambito di “Idea – Azione”, conduce una ricerca sulla valorizzazione delle aree agricole peri-urbane nel quadro della normativa in materia di cooperative di comunità e di agricoltura di prossimità avente come caso studio l’area agricola di Ciaculli, Croce verde Giardina e Maredolce all’interno della Città Metropolitana di Palermo.

Il tutor scientifico è Giovanni Teneggi. Direttore di Confcooperative di Reggio Emilia e amministratore delegato della società di servizi alle imprese della stessa Associazione. Il suo lavoro di ricerca, divulgazione e accompagnamento sui temi della intraprendenza comunitaria è una tappa di sintesi e svolta di tutta l’esperienza di volontariato sociale (in particolare nella politica studentesca e nelle ACLI) e professionale (nel campo della managerialità e della rappresentanza dell’impresa cooperativa e di funzione sociale). Il percorso formativo è stato di scoperta ed esperienza e con esperienze artigianali “sul campo” nei settori della formazione professionale, della gestionale aziendale, della progettazione e gestione sistemi di qualità, della rappresentanza politico sindacale, dalla ricerca sociale e della divulgazione. Co-designer di imprese comunitarie nell’ambito di progetti di sviluppo territoriale, è autore di numerosi testi e articoli di narrazione divulgativa e tecnica nell’ambito dello sviluppo sociale ed economico dei territori.

La tutor pedagogica è Anna Staropoli.

Claudia Latino

Dopo il conseguimento della laurea magistrale in Storia dell’arte presso l’Università di Palermo ha frequentato il master in Esperto in valorizzazione e comunicazione museale del patrimonio culturale indoor e outdoor nello stesso Ateneo. Nel corso di questi anni, ha maturato una serie di esperienze professionali nell’ambito educativo, comunicativo e museale. Sino al 2020 ha ricoperto l’incarico di educatrice presso il Museo dei bambini di Milano (Muba) per il quale ha progettato e condotto laboratori e mostre applicando anche il metodo di Bruno Munari.

Il suo progetto di ricerca ha come oggetto le pratiche artistiche come dispositivo pedagogico attraverso un percorso di ricerca – azione con i bambini del mandamento Capo – Monte di Pietà a Palermo.

Il tutor scientifico è Italo Fiorin. Insegna Pedagogia generale e sociale presso l’Università L.U.M.S.A. di Roma e presidente della Scuola di Alta Formazione Educare all’Incontro e alla Solidarietà (EIS) presso il medesimo Ateneo. Ricopre inoltre incarichi in istituzioni nazionali e internazionali: è coordinatore del Comitato scientifico per le Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo di istruzione, istituito dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e consultore della Congregazione per l’Educazione Cattolica della Santa Sede e direttore scientifico del Programma Internazionale Scholas Chairs della Fondazione Pontificia Scholas Occurrentes.

Il tutor pedagogico è Massimo Massaro.

Lucia Pepe

Laureata in Lingue per la comunicazione e la cooperazione internazionale presso l’Università degli studi di Milano: dal 2014 svolge attività di mediatrice culturale in ambito sanitario. Tale attività professionale le ha consentito di entrare dentro le dinamiche inerenti il fenomeno delle migrazioni cogliendone tutta la complessità e le molteplici sfaccettature. Attualmente svolge anche la professione di project manager: è impegnata nella scrittura e nella implementazione di progetti di scambio internazionali. Impegnata nel sociale, supporta giovani migranti che si affacciano nel mondo del lavoro ricercando un incrocio tra le loro competenze e ciò che il mercato richiede.

La ricerca selezionata da “Idea – Azione” intende riflettere su una possibile connessione tra l’emersione maieutica delle competenze di pratiche di edilizia popolare di cui sono portatori persone migranti e gli autoctoni con la crescente domanda di un’edilizia sempre più green e sostenibile.

Giovanni Notari

Gesuita, sociologo: durante il suo mandato di direttore dell’Istituto Arrupe, dal 2003 al 2010, ha presieduto Il Comitato ordinatore del master congiunto internazionale in “Politiche pubbliche e sviluppo territoriale” organizzato con le Università di Palermo e Deusto ed è stato un instancabile promotore di iniziative in favore degli ultimi. Da sempre, attraverso la sua attività pubblicistica e di relatore in convegni, invita tutti al cambiamento possibile, alla passione per il bene comune e all’impegno condiviso. Attualmente insegna Antropologia culturale presso la Facoltà teologica di Sicilia e presiede il Consiglio di amministrazione dell’Istituto Gonzaga di Palermo.

Abstract lavori finali

Giulia Anselmo, I dipinti urbani nelle strade di Palermo come beni comuni: quando il muro del quartiere agisce da megafono

Beatrice La Porta, Il mandarino tardivo a Palermo e la valorizzazione delle aree agricole peri-urbane tra cooperative di comunità e agricoltura sostenibile per una piena sovranità alimentare

Claudia Latino, Le pratiche artistiche come dispositivo pedagogico: percorso di ricerca-azione con i bambini del mandamento Capo Monte di Pietà a Palermo

Attività di formazione interna

1 aprile 2021: Massimo Massaro, Istituto Arrupe, “Incontro di orientamento”.

16 aprile 2021: Anna Staropoli, Istituto Arrupe, “Pedagogia dell’esperienza”.