Passa al contenuto principale
Gesuiti
News
Eventi

Luci allo Sperone

Continuare a dare voce a tutte le persone di questa città che credono ancora in un cambiamento possibile. Disporsi alla cura delle ferite per cercare nello stesso tempo la luce che già esiste nelle periferie di Palermo. Riconoscere le potenzialità di tanti luoghi “sospesi”, abitati e animati da tante persone belle. Camminare insieme per le strade dello Sperone, per dire che ciò che è accaduto qualche giorno fa ci riguarda tutte e tutti, ci interpella e non ci lascia indifferenti. Il pessimismo imperante, spesso mascherato da realismo, ha impedito per lungo tempo l’emergere di un nuovo orizzonte e di una nuova prospettiva capace di cogliere la scintilla indispensabile per trasformare la nostra città.

Siamo cittadini, cittadine e associazioni che vivono a Palermo, accomunati dal desiderio di incontrare altri cittadini e cittadine, metterci in ascolto e a disposizione delle realtà apparentemente più fragili della nostra città, ma che presentano energie positive e indomita resistenza e voglia di riscatto. Lo faremo a partire dal quartiere Sperone, che nei giorni scorsi è stato al centro delle narrazioni giornalistiche per l’arresto di 57 persone per spaccio di droga, in cui erano pesantemente coinvolti anche minori.

Per questi motivi, sabato 4 dicembre 2021 alle 9.30, è in programma il raduno dei cittadini di Palermo presso la Palestra Valentino Renda del quartiere, in via XXVII Maggio n. 26. Seguirà una passeggiata attraverso alcuni luoghi significativi del quartiere Sperone. L’itinerario dettagliato della passeggiata è disponibile qui .

Al termine, di ritorno alla Palestra Valentino Renda, sono previsti alcuni brevi interventi programmati: chi volesse intervenire è pregato di inviare una mail a luciallosperone@gmail.com entro le ore 12:00 del 3 dicembre 2021, avente come oggetto: “Il mio impegno per lo Sperone”.
Specificare nome, cognome, eventuale appartenenza ad enti e\o associazioni e spiegare in un massimo di tre righe il proprio impegno verso una delle quattro aree critiche individuate (ex-asilo nido – via XXVII Maggio, centro servizi sociali, campetto da gioco, asilo nido – via Annibale di Francia).
La durata massima prevista per ogni intervento è di 3 minuti.

Comunicato stampa