Passa al contenuto principale
Gesuiti
News
Senza categoria News

Primo marzo 2010: vicini agli immigrati che "scioperano" per "farsi notare"

L’Istituto Arrupe aderisce all’iniziativa promossa dal Comitato Primo marzo 2010. Si tratta del primo “sciopero degli immigrati”, una grande manifestazione non violenta per far capire all’opinione pubblica italiana quanto sia determinante l’apporto dei migranti alla tenuta e al funzionamento della nostra società.
Che cosa succederebbe, infatti, se i quattro milioni e mezzo di immigrati che vivono in Italia decidessero di incrociare le braccia per un giorno? E se a sostenere la loro azione ci fossero anche i milioni di italiani stanchi del razzismo?
Lunedì primo marzo, alle 18:30, in molte città d’Italia il cielo si colorerà di giallo con il lancio di palloncini in lattice biodegradabile; nel corso della giornata, inoltre, sono previste iniziative e manifestazioni di sensibilizzazione.
«Questo movimento – spiega un comunicato – nasce meticcio ed è orgoglioso di riunire al proprio interno italiani, stranieri, seconde generazioni e chiunque condivida il rifiuto del razzismo e delle discriminazioni verso i più deboli».
L’iniziativa si collega e si ispira a La journée sans immigrés: 24h sans nous, il movimento che in Francia sta organizzando uno sciopero degli immigrati per il 1 marzo 2010.

Per informazioni: www.primomarzo2010.it.