Passa al contenuto principale
Gesuiti
News
News

Secondo colloquio del Mediterraneo

Le religioni sono causa di conflitto o portatrici di dialogo? Oppure si utilizza un vocabolario religioso per nascondere interessi economici e geopolitici? Il vero pluralismo religioso è possibile? O solo a patto che la religione venga lasciata fuori dallo spazio pubblico? Qual è, al riguardo, il pensiero dei giovani, delusi dalle risposte offerte loro dal mondo degli adulti e dagli Stati?

A questi interrogativi proverà a rispondere il secondo Colloquio del Mediterraneo, intitolato “Religioni, pluralismo, democrazia: le attese dei giovani del Mediterraneo”, promosso dall’Istituto di Scienze sociali “Nicolò Rezzara” di Vicenza, congiuntamente, tra gli altri, all’Istituto Arrupe. L’appuntamento è per giovedì 15 e venerdì 16 ottobre 2015, nella sala delle Capriate di Palazzo Steri a Palermo.

Locandina