Passa al contenuto principale
Gesuiti
News
News

Lo stato di salute della comunicazione pubblica: presentazione volume di Antonio La Spina e Antonino Cangemi

Quale è oggi, nell’era di internet e della tecnologia, il reale stato di salute della comunicazione pubblica? E quanti ostacoli frappone una prosa burocratese, ancora abbarbicata a linguaggi anacronistici o pronta ad accogliere il nuovo nel modo sbagliato? Su questi temi, di stringente attualità, si interroga il volume “Comunicazione pubblica e burocrazia” (Edizioni Franco Angeli), scritto a quattro mani da Antonio La Spina – ordinario di Sociologia presso l’Università di Palermo, e Antonino Cangemi – dirigente presso la Regione Sicilia e a capo, nel suo excursus professionale, di vari uffici tra cui l’ufficio speciale antiracket per la solidarietà alle vittime della mafia.
Il libro sarà presentato alla stampa mercoledì 1 aprile, alle ore 17.30 presso la Sala Rossa di Palazzo dei Normanni a Palermo, alla presenza degli autori.
A fare gli onori di casa l’on. Francesco Cascio, presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana.
Interverranno:
Giovanni Ilarda, assessore alla Presidenza della Regione Siciliana
Gaspare Carlo Lo Nigro, dirigente generale dell’Agenzia dell’Impiego
Guido Corso, ordinario di diritto amministrativo presso l’Università di Roma 3
Fabio Massimo Lo Verde, direttore del Dipartimento Scienze sociali presso l’Università di Palermo
P. Gianni Notari SJ, direttore dell’Istituto Arrupe.
L’indagine condotta dai due autori nasce dall’incontro tra due differenti campi d’azione: all’analisi del sociologo, condotta con rigore scientifico e accademico, attenta alla dimensione europea, si accompagnano le riflessioni del funzionario pubblico, suggerite da esperienze dirette e rese in una prosa accattivante, condita da sobria ed amara ironia.
Obiettivo comune è quello di semplificare il linguaggio in uso negli uffici pubblici, inadeguato, verboso e fuori sintonia rispetto alle caratteristiche degli interlocutori e allo standard europeo, in un periodo storico caratterizzato dalla necessità di voltare pagina nella gestione delle burocrazie pubbliche.